Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)

È caratterizzato dalla presenza di ossessioni, compulsioni, o entrambi, e portano ad un disagio clinicamente significativo o ad una compromissione nel funzionamento personale.

 

OSSESSIONE

È costituita da pensieri, impulsi o immagini ricorrenti e persistenti, vissuti, come intrusivi e indesiderati e che nella maggior parte degli individui causano ansia o disagio marcati. Il soggetto tenta di ignorare o di sopprimere tali pensieri, impulsi o immagini, o di neutralizzarli con altri pensieri o azioni, cioè mettendo in atto una compulsione.

 

COMPULSIONE
È un comportamento ripetitivo (per es., lavarsi le mani, riordinare, controllare) o un’azione mentale (per es., pregare, contare, ripetere parole mentalmente) che il soggetto si sente obbligato a mettere in atto in risposta a un’ossessione o secondo regole che devono essere applicate rigidamente. I comportamenti o le azioni mentali sono volti a prevenire o ridurre l’ansia o il disagio o a prevenire alcuni eventi o situazioni temuti; tuttavia, questi comportamenti o azioni mentali non sono collegati in modo realistico con ciò che sono designati a neutralizzare o a prevenire, oppure sono chiaramente eccessivi.

 

PROGNOSI

Sono stati osservati sostanzialmente due tipi di disturbo ossessivo compulsivo, uno a decorso episodico e uno a decorso cronico.
Il DOC a decorso episodico è più frequente nelle donne e generalmente ha esordio dopo i 25 anni di età; è caratterizzato da periodi critici di uno o due anni, intervallati da periodi asintomatici a durata variabile (da pochi mesi a molti anni).
Il DOC a decorso cronico è rappresentato da pazienti di sesso maschile, ha un esordio più precoce (anche durante l’adolescenza), un andamento fluttuante (senza periodi liberi totalmente da sintomi) o costantemente ingravescente.

 

TRATTAMENTO
Per il trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo, sono indicati un trattamento psicofarmacologico (particolarmente utili risultano gli antidepressivi inibitori del reuptake della serotonina) e una psicoterapia di esposizione o di prevenzione dei rituali.

 


 

I contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all’altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni.

5x1000


Il 5×1000 alla Fondazione BRF: aiuta la ricerca psichiatrica per salvare vite umane