Disturbo da stress post-traumatico (PTSD)

Si può presentare in seguito all’esposizione a morte reale o minaccia di morte, a una grave lesione, oppure a una violenza sessuale. Si può manifestare in vari modi. Ad esempio, i sintomi intrusivi associati all’evento traumatico, che hanno inizio successivamente all’evento traumatico, possono essere costituiti da ricorrenti, involontari e intrusivi ricordi spiacevoli dell’evento traumatico, oppure da ricorrenti sogni spiacevoli in cui il contenuto e/o le emozioni del sogno sono collegati all’evento traumatico. Sono comuni anche reazioni dissociative (per es., flashback) e una sofferenza psicologica all’esposizione a fattori che simboleggiano o assomigliano a qualche aspetto dell’evento traumatico. Solitamente, vengono messi in atto comportamenti di evitamento degli stimoli associati all’evento traumatico (pensieri, ricordi, persone, luoghi, conversazioni, attività, oggetti, situazioni. Spesso sono presenti sintomi di alterazione negativa dei pensieri e delle emozioni: ad esempio la persona può non ricordare particolari anche estesi del trauma, un fenomeno noto come amnesia post-traumatica. Emozioni negative comunemente esperite includono colpa, vergogna, rabbia, paura e umore depresso. Sono frequenti anche sintomi di iperattivazione come ipervigilanza, irritabilità ed esplosioni di rabbia, esagerate risposte di allarme, problemi di concentrazione, insonnia.

 

PROGNOSI

Il PTSD ha una evoluzione cronica anche se il suo decorso può essere molto variabile.
Se non adeguatamente e prontamente curato può aggravarsi e associarsi a depressione o a dipendenza da sostanze e farmaci, con elevato rischio di suicidio, anche a molti anni di distanza.

La presenza di un disturbo post traumatico può inoltre aggravare un eventuale disturbo psichico preesistente, come depressione e ansia.

 

TRATTAMENTO

Il trattamento di elezione nella cura del PTSD è la psicoterapia ed in particolare quella cognitivo comportamentale focalizzata sul trauma e l’eye movement desensitization and reprocessing (EMDR).

 


 

I contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all’altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni.