Disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo del neurosviluppo (un problema legato allo sviluppo del cervello) che causa iperattività, comportamento impulsivo e problemi di attenzione. Interferisce con la capacità di una persona di esercitare un controllo adeguato all’età del proprio comportamento e/o della propria cognizione.

 

I bambini a scuola con ADHD possono essere visti come disturbatori e sembrare non ascoltare il loro insegnante, possono anche avere difficoltà a stare al passo con i loro colleghi accademici. A casa e in situazioni sociali possono fare cose “stupide”, irresponsabili o inappropriate e possono sembrare che non rispondano ai tentativi di disciplinarle.

 

Il bambino con ADHD non è intenzionalmente cattivo e la loro incapacità di essere un bravo studente o di comportarsi in modo appropriato può essere estremamente angosciante per loro. Anche gli adulti possono avere l’ADHD e nella loro vita lavorativa possono essere visti come impiegati trascurati e inefficienti.

 

L’ADHD è il problema più comune riscontrato in contesti ambulatoriali di salute mentale di bambini e adolescenti ed è 10 volte più comune nei maschi che nelle femmine. Sono ora riconosciuti tre tipi di ADHD:

  • tipo prevalentemente disattento;
  • tipo prevalentemente iperattivo-impulsivo;
  • tipo combinato.

 

I sintomi della disattenzione comprendono:

 

  • non riuscire a completare le attività o essere lento a completarle
  • non seguire le istruzioni
  • commettere errori “trascurabili”
  • avere difficoltà a organizzare le attività
  • passaggio frequente tra un’attività e l’altra
  • essere facilmente distratto e smemorato.

 

I sintomi dell’iperattività includono:

 

  • comportamento eccessivamente attivo
  • correre e arrampicarsi in modo inappropriato,
  • agitarsi e dimenarsi al loro posto,
  • parlare eccessivamente,
  • non riuscire a giocare o lavorare in silenzio,
  • sentimenti soggettivi di irrequietezza.

 

I sintomi dell’impulsività includono:

 

  • difficoltà ad aspettare il loro turno,
  • interrompere le conversazioni e chiamare,
  • generalmente agire senza pensare.

Sintomi specifici possono variare da persona a persona, ma deve essere presente un numero significativo di sintomi affinché il comportamento sia considerato anormale. I bambini o gli adulti con ADHD di tipo prevalentemente disattento tendono ad essere meno evidenti, sono spesso studenti tranquilli e con risultati insufficienti che non attirano necessariamente molta attenzione. Coloro che hanno sintomi di impulsività e iperattività sono molto più difficili da trascurare. Altri fattori importanti che definiscono l’ADHD sono che i sintomi si manifestano in due o più contesti (es. Scuola e casa), che i sintomi erano presenti prima dell’età di 7 anni e che i sintomi causano una compromissione significativa del funzionamento quotidiano.

Gli studi suggeriscono che la prevalenza di ADHD è più che raddoppiata negli ultimi 10 anni. Ciò è in parte a causa di una maggiore consapevolezza e riconoscimento del disturbo, ma in parte è anche a causa di diagnosi errate e i criteri diagnostici per l’ADHD non sempre applicati rigorosamente come dovrebbero essere. Oltre alle caratteristiche dell’ADHD sopra elencate, molte persone con ADHD mostrano anche sintomi di altre condizioni comportamentali/psichiatriche che complicano il quadro clinico, come difficoltà di apprendimento, ansia e disturbi del comportamento dirompente.

 

TRATTAMENTO

Una valutazione completa del bambino è necessaria quando si considera una possibile diagnosi di ADHD. Questo perché alcuni dei sintomi possono verificarsi a seguito di una serie di condizioni o situazioni (condizioni associate o “comorbidità”).

 

Una valutazione accurata è vitale per un trattamento efficace. Una valutazione globale dovrebbe comprendere l’incontro, sia con i genitori che con il bambino, e la nascita di una storia dettagliata di nascita, sviluppo, medicina, sociale e scolastica. Inoltre, liste di controllo comportamentali da casa e da scuola possono essere estremamente utili. La valutazione e la diagnosi sono più comunemente eseguite da un pediatra o psichiatra. Gli psicologi possono anche valutare e diagnosticare l’ADHD. Poiché un’ampia percentuale di bambini con ADHD ha difficoltà di apprendimento o cognitive, i test psicologici e neuropsicologici possono spesso essere utili per valutare le capacità accademiche e cognitive, come l’intelligenza, l’attenzione e il “funzionamento esecutivo”.

 

Farmaci stimolanti come metilfenidato, dexamphetamine e pemolina sono comunemente usati per trattare l’ADHD con un ottimo effetto. Tuttavia, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che il trattamento dovrebbe affrontare molteplici aspetti del funzionamento dell’individuo e non dovrebbe limitarsi all’uso di soli farmaci. Idealmente, il trattamento dovrebbe includere anche programmi strutturati di gestione del comportamento che siano costantemente applicati sia a scuola che a casa, la modifica del curriculum e dei metodi di insegnamento e l’educazione e il sostegno dei genitori. Attualmente, oltre 200 studi hanno dimostrato l’efficacia sia dei trattamenti farmacologici (che comprendono i farmaci) sia psicosociali.

 

PROGNOSI

Non vi è dubbio che l’ADHD può causare significativi problemi emotivi, sociali ed educativi. Anche se alcuni bambini sembrano migliorare dall’ADHD man mano che raggiungono l’adolescenza, per altri il disturbo rimane un problema permanente. Con l’aiuto di interventi tempestivi e mirati, la maggior parte dei bambini con ADHD imparano a gestire il proprio disturbo in modo efficace quando invecchiano. Quando l’ADHD viene diagnosticato e trattato in anticipo, la condizione può essere efficacemente gestita, in modo che i bambini crescano per avere vite produttive, di successo e soddisfacenti.
 


 

I contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all’altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni.

5x1000


Il 5×1000 alla Fondazione BRF: aiuta la ricerca psichiatrica per salvare vite umane