Commozione cerebrale

La “commozione cerebrale” è usata per descrivere una piccola lesione alla testa che non è in genere pericolosa per la vita. È un infortunio sportivo comune, in particolare negli sport (ad esempio nel calcio o nella boxe) e in attività ricreative in cui le cadute sono comuni, come l’equitazione, il ciclismo, lo sci e le immersioni.

 

Generalmente è causato da un colpo diretto alla testa (ad esempio dopo essere stati colpiti alla testa da un oggetto; o aver colpito la testa in una caduta), ma può anche verificarsi dopo un improvviso cambio di direzione (ad esempio sul campo sportivo o a causa di lesioni da “colpo di frusta” in un incidente d’auto).

 

La commozione cerebrale può portare ad alcuni o tutti i seguenti sintomi: un breve periodo di incoscienza (30 minuti o meno), confusione, vertigini, amnesia (in genere dura meno di 24 ore), mal di testa.

 

TRATTAMENTO

Chiunque sospetti di avere una commozione cerebrale dovrebbe recarsi da un medico, che dovrebbe essere informato se il paziente sta assumendo farmaci. Il medico può ordinare una TAC o che il paziente sia tenuto sotto osservazione in ospedale o, ancora, può consentire al paziente di tornare a casa ma nelle cure di una persona responsabile.

Di solito il paziente non richiede altro che riposo e analgesici per alleviare il dolore. Tuttavia, in alcuni casi può essere necessario un intervento chirurgico in presenza di gravi lividi o gonfiore nel cervello.

Si deve prestare attenzione per evitare ulteriori lesioni prima che il recupero sia completo, poiché una seconda commozione cerebrale lieve può avere effetti molto più gravi. Gli atleti, in particolare, devono essere controllati da un medico quando riprendono le loro attività sportive.

 

PROGNOSI

La maggior parte delle persone guarisce completamente, senza problemi duraturi. A volte sintomi come mal di testa, vertigini, ecc. persistono per alcune settimane. Il recupero può richiedere più tempo per coloro che hanno avuto un precedente trauma cranico, per gli anziani e per chi ha problemi di abuso di sostanze. Un piccolo numero di persone può sviluppare una “sindrome post-concussiva persistente”, in cui vi sono numerosi sintomi che durano per più di tre mesi.
 


 

I contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all’altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni.

5x1000