Coma

Il coma è uno stato di incoscienza in cui un paziente non reagisce con l’ambiente circostante. Chi è in coma è incosciente e ha un’attività cerebrale minima. Non è possibile svegliare un paziente in coma usando la stimolazione fisica o uditiva. Sono vivi, ma non possono essere svegliati e non mostrano alcun segno di consapevolezza.

Gli occhi della persona saranno chiusi e sembreranno non rispondere al loro ambiente. Normalmente non rispondono al suono o al dolore, né sono in grado di comunicare o muoversi volontariamente. Inoltre, una persona in coma non risponde normalmente a stimoli, luce o suono; manca un normale ciclo sonno-veglia e non avvia azioni volontarie, non essendo in grado di sentire, parlare, ascoltare o muoversi consapevolmente.

Chi è in coma avrà anche riflessi di base molto ridotti come la tosse e la deglutizione. Potrebbero essere in grado di respirare da soli, anche se alcune persone richiedono una macchina per la respirazione artificiale.

Nel tempo, la persona può iniziare a riacquistare gradualmente consapevolezza e diventare più consapevole. Alcune persone si sveglieranno dopo alcune settimane, mentre altre potrebbero andare in uno stato vegetativo o in uno stato di minima coscienza. I pazienti in coma possono mostrare diversi livelli di incoscienza e mancanza di risposta a seconda di quali regioni del cervello sono state danneggiate e di quanto (o quanto poco) del cervello funzioni.

Il coma può derivare da: intossicazione (ad esempio abuso di droghe, sovradosaggio o uso improprio di farmaci), anomalie metaboliche, malattie del sistema nervoso centrale, lesioni neurologiche acute (ad esempio ictus, ernia, ipossia, ipotermia) o lesioni traumatiche causate da cadute o collisioni di veicoli. In alcuni casi il coma può essere indotto deliberatamente utilizzando agenti farmaceutici al fine di preservare le funzioni cerebrali più elevate a seguito di traumi cerebrali o per salvare il paziente dal dolore estremo durante la guarigione di lesioni o malattie.

 

TRATTAMENTO

Il trattamento iniziale dipenderà dalla causa del coma e sarà diretto a prevenire ulteriori danni al cervello. A breve termine, una persona in coma sarà normalmente curata in un’unità di terapia intensiva. Se il paziente ha difficoltà a respirare, può essere sottoposto a un respiratore. Dopo una lesione alla testa, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per fermare l’emorragia e/o ridurre il gonfiore. La respirazione e la circolazione del paziente devono essere monitorate, usando intubazione e ventilazione.

Una volta stabile e non più in pericolo immediato, ulteriori trattamenti saranno indirizzati al mantenimento delle condizioni fisiche del paziente e alla prevenzione delle complicanze. Ad esempio, ciò potrebbe comportare un’alimentazione adeguata e la prevenzione delle infezioni (ad esempio polmonite o piaghe da decubito).

Una persona in coma può diventare irrequieta e questo comporterà cure per evitare che si facciano del male o rischino di tirare tubi o medicazioni. In questi casi, può essere somministrato un medicinale per calmare il paziente.

 

PROGNOSI (PROSPETTIVE DI RECUPERO)

Il coma può durare da giorni a settimane, mentre alcuni casi gravi sono durati diversi anni. Il recupero da un coma dipende in larga misura dalla causa originale del coma e dalla gravità del danno cerebrale. Alcuni pazienti si riprenderanno completamente, mentre altri, in particolare quelli che hanno subito un trauma cranico, possono presentare un danno fisico, intellettivo o psicologico che richiederà un ulteriore trattamento. Potrebbero aver bisogno di fisioterapia, valutazione psicologica e supporto durante un periodo di riabilitazione, o potrebbero aver bisogno di cure per il resto della loro vita.

Le probabilità che qualcuno si riprenda da un coma dipendono in gran parte dalla gravità e dalla causa della sua lesione cerebrale, dalla sua età e da quanto tempo sono in coma. È impossibile prevedere con precisione se la persona alla fine si riprenderà, per quanto tempo durerà il coma e se avrà problemi a lungo termine.
 


 

I contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all’altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni.

5x1000


Il 5×1000 alla Fondazione BRF: aiuta la ricerca psichiatrica per salvare vite umane