Aneurisma cerebrale

L’aneurisma cerebrale è un disturbo comune causato da una debolezza della parete di un’arteria cerebrale. Può essere congenito o derivare da condizioni preesistenti come ipertensione o aterosclerosi (depositi di grasso nelle arterie) o molto raramente da trauma cranico. Gli aneurismi sono presenti probabilmente nel 2% o più degli adulti, e più aneurismi si verificano in oltre il 10% di questi.

 

Gli aneurismi cerebrali sono molto più comuni negli adulti che nei bambini e più comuni nelle donne che negli uomini, ma possono verificarsi a qualsiasi età. Prima che un aneurisma si rompa potrebbe esserci una lieve emorragia di “avvertimento” con un improvviso mal di testa, spesso non molto grave ma diverso dal solito mal di testa; più spesso l’individuo è asintomatico, senza lamentele. L’esordio è di solito in modo esplosivo improvviso e senza preavviso, con forte mal di testa, nausea e vomito e perdita temporanea di coscienza. La rottura di un aneurisma cerebrale è molto pericolosa, portando allo stesso modo a sanguinare intorno o nel cervello, causando spesso un ematoma intracranico (una massa di sangue – solitamente coagulata – all’interno del cranio). Possono verificarsi morte improvvisa, sanguinamento ricorrente, idrocefalo (accumulo eccessivo nel cervello di liquido cerebrospinale) o vasospasmo (restringimento ritardato delle arterie).

 

TRATTAMENTO

Il trattamento di emergenza per le persone con un aneurisma cerebrale rotto include un rigoroso riposo a letto e antidolorifici. I pazienti incoscienti potrebbero aver bisogno di un trattamento per ripristinare il deterioramento della respirazione e ridurre la pressione aumentata nella testa. La chirurgia viene di solito eseguita entro i primi 3 giorni per tagliare l’aneurisma rotto e quindi eliminare il rischio di nuovo sanguinamento. Potrebbe essere necessario un intervento di emergenza in caso di grossi coaguli di sangue. Altri trattamenti includono farmaci o terapia ipertensiva-ipervolemica (aumento del volume e della pressione sanguigna artificialmente) per controllare il vasospasmo. Nei pazienti per i quali l’intervento chirurgico è considerato troppo rischioso e, in proporzione crescente, si possono eseguire trombosi microcoil o embolizzazione del palloncino.

 

PROGNOSI

La prospettiva dopo la rottura di un aneurisma cerebrale dipende dalle dimensioni e dalla posizione dell’aneurisma, dall’età della persona, dalla salute generale e dalle condizioni neurologiche dopo l’emorragia. Molti pazienti (probabilmente oltre il 40%) muoiono per sanguinamento iniziale o complicazioni successive, e altri infine guariscono con disabilità permanente minima o nulla. La diagnosi e il trattamento precoci sono fondamentali per ridurre il rischio di ulteriori sanguinamenti.

Gli aneurismi vengono sempre più scoperti per caso o a causa di una storia familiare. A seconda delle circostanze, può essere consigliata una procedura per tagliare o avvolgere l’aneurisma, al fine di prevenire future rotture.
 


 

I contenuti di questo sito sono esclusivamente ad uso informativo e in nessun caso devono sostituire il parere, la diagnosi o il trattamento prescritti dal proprio medico curante. La risposta allo stesso trattamento può variare da un paziente all’altro. Consultatevi sempre con il vostro medico su qualunque informazione relativa a diagnosi e trattamenti ed attenetevi scrupolosamente alle sue indicazioni.

5x1000


Il 5×1000 alla Fondazione BRF: aiuta la ricerca psichiatrica per salvare vite umane