Fondazione BRF utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.
OK, ho capito

La storia di Willy, l'uomo dalla breve memoria

Sembra un film. Invece è una storia vera. 

Potrebbe sembrare un film, ma è una storia vera. E' la storia di Willy, che si sveglia pensando che sia sempre lo stesso giorno di dieci anni fa. Potrebbe essere Bill Murray in Ricomincio da capo o il protagonista di Memento, film del 2000 di Christopher Nolan, che usava fotografie, appunti e tatuaggi per ricordare. Potrebbe essere anche Clementine, la protagonista di Se mi lasci di cancello che racconta una struggente storia d'amore con protagonisti Kate Winslet e Jim Carrey. 
La storia di William "Willy" è stata raccontata dal medico che lo ha in cura sulle pagine di Neurocase: the Neural Basis of Cognition , con la speranza di trovare casi simili e capire che cosa abbia provocato questa a dir poco inusuale amnesia.
La storia è iniziata dieci anni fa quando l’uomo, oggi trentottenne, si è sottoposto a un trattamento canalare dal dentista. Un’anestesia locale di routine, un’ora di intervento e poi, da quel momento, nessuna capacità di ricordare oltre novanta minuti: dopo un’ora e mezza la sua memoria si «resetta» e l’uomo non ricorda niente di quanto successo prima, così si sveglia ogni giorno convinto di dover uscire per andare all’appuntamento dal dentista. È consapevole della sua identità, la sua personalità non è cambiata, ma deve tenere ogni giorno un diario elettronico di quanto accade e si circonda di appunti e «tracce» che lo aiutino a capire che cosa gli sta accadendo senza «perdersi». 
«Non ci sono prove che il problema dipenda dall’anestesia o dal trattamento canalare, perciò non vogliamo che la gente pensi che sia colpa del dentista: non sarebbe etico né corretto, vista la mancanza di evidenze a sostegno di questa ipotesi. Certo dobbiamo tenere conto di quanto accaduto, anche se pensiamo che l’origine del problema risieda altrove – spiega Gerald Burgess dell’università di Leicester, lo psicologo clinico che segue l’uomo “senza memoria” assieme allo psichiatra Bhanu Chadalavada –. Abbiamo deciso di raccontare la storia di questo paziente proprio perché non abbiamo mai visto nulla del genere prima d’ora e non sappiamo come affrontarlo: rendere pubblico il caso potrebbe metterci in contatto con colleghi che abbiano gestito situazioni simili e possano darci aiuto».
L’obiettivo principale è trovare soluzioni per alleviare le indubbie difficoltà del paziente, ma gli specialisti vorrebbero anche capire perché si sia verificato un incidente così bizzarro visto che nella letteratura medica sono segnalati pochissimi casi di amnesia retrograda profonda. 
«Non abbiamo trovato nessun legame con anestesie o trattamenti dentistici – racconta Burgess –. Per quanto è noto, amnesie gravi sono correlate ad alterazioni visibili nelle regioni cerebrali dell’ippocampo e del diencefalo che però in questo caso non ci sono, per questo stiamo prendendo in considerazione altre ipotesi. Ippocampo e diencefalo sembrano necessari per «trattenere» inizialmente le informazioni, che poi devono essere «fissate» attraverso processi neuroelettrici e neurochimici successivi. Una nostra ipotesi è che il paziente soffra di un deficit della sintesi di proteine specifiche che servono perché le connessioni cerebrali coinvolte nell’acquisizione di memorie possano «ristrutturarsi» e mantenere i ricordi nel lungo termine: lo sospettiamo perché lo stadio di questa sintesi proteica coincide con i 90 minuti dall’evento, oltre i quali l’uomo non ricorda più nulla, e perché il passaggio serve anche per fissare nel tempo memorie episodiche (ovvero quelle di un evento qualsiasi) e procedurali (quelle che servono per compiere un gesto o imparare qualcosa). Il paziente le ha perse entrambe e questo è molto insolito nei “tradizionali” casi di amnesia». Burgess spera che altri medici possano interessarsi al caso e approfondire i meccanismi che potrebbero averlo causato: la speranza è trovare una soluzione praticabile per restituire la memoria al paziente, costretto a vivere suo malgrado come un personaggio da film.


Sogno