Fondazione BRF utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito.
Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.
OK, ho capito

Il caso di A., l'infezione che causava psicosi

Leggi la storia di A. raccontata da Mario Campanella 

La diagnosi di psicosi infantile è molto rara, ma può essere formulata sulla base di evidenze note ai clinici.  A. è una bambina di dieci anni quando presenta, nel 2013,  pericolosi segnali di psicosi.  Allucinazioni spaventose la tormentano, voci minacciose le dicono che deve uccidere i suoi genitori.  Avere una bambina in queste condizioni significa perdere qualsiasi interesse alla vita per i genitori.  
Il consulto con un noto neuropsichiatra infantile di Roma, non lascia spazio a dubbi: si tratta di una rara forma di psicosi infantile. 
Tutto ciò viene detto senza cercare una possibile causa fisica, quasi come se operasse quella scissione corpo-mente che ancora attraversa buona parte della psichiatria, soprattutto italiana. 
I genitori non si rassegnano e trovano il modo di incontrare una psichiatra fiorentina, ma di origine calabrese, Rosanna Carelli.  È specializzata anche in immunologia e lavora a stretto contatto con il prestigioso dipartimento universitario della capitale del Rinascimento. 
Le analisi del sangue mostrano un Tas superiore a mille. 
Si interviene con una terapia antibiotica aggressiva. Spariscono tutti i sintomi psicotici. 
La bambina ha una intolleranza, purtroppo, al tipo di antibiotico adatto e non può fare la profilassi con penicillina. È un caso di Pandas-Pans, una malattia di recente scoperta, che parte da infezioni streptococciche o da altri agenti virali per manifestarsi con sintomi psichiatrici.  La bambina oggi sta bene, dopo un mese di terapia ad alto dosaggio di antibiotici.  I sintomi?  Scomparsi.  Frequenta le medie.  Gioca e vive serena.  Anche quello specialista che non seppe formulare la diagnosi continua a fare il suo lavoro.  

Mario Campanella
Comitato scientifico BRF


A. psicosi infantile